Blogfest, il post che pare obbligatorio

Sabato mattina, era quasi l’ora di pranzo, me ne stavo seduto su una panchina del lungomare di Rimini a farmi dei giganteschi affari miei e a godermi un po’ d’ombra. Ero stato fino in fondo al molo – quel giorno l’avrei fatto altre due volte, il che spiega la vibrazione nella Forza che andavo percependo…

Nessuno dovrebbe mai incontrare l’Internet

Succede un po’ come con i romanzieri o i musicisti. Uno adora le loro opere, impazzisce per i loro libri e le loro canzoni, e si fa un’idea. Un’idea di com’è quell’artista come persona, e com’è di persona. Nel senso che se ne fa un’immagine non solo, per così dire, psicologica, ma anche fisica. Simpatico,…

Acquisti pericolosi

Allora oggi è successo che dopo tanto tempo mi sono ritrovato a comprare delle bacchette. Bacchette per suonare la batteria, che lo so che state già dicendo “pensa che paranoico, si compra le bacchette personali per mangiare dal cinese, non si fida di quelle che ti danno al ristorante, dev’essere uno di quelli fissati con…

Cielo, uno scarabeo!

Secondo me la realtà è piena di connessioni da inventare. O, al più, da scoprire. Pochi giorni fa, tramite un tweet di Amedeo Balbi, ho scoperto l’esistenza della Scala di Bortle, che misura la luminosità del cielo notturno in base all’inquinamento luminoso e ci dice quali oggetti celesti siano visibili o meno. La maggior parte…

Una nuova e migliore teoria sui lavori in corso

È ormai cosa risaputa che alla presenza di un cantiere stradale corrisponda sempre e invariabilmente quella di un piccolo capannello di anziani, osservatori attenti e instancabili delle varie fasi dei lavori in corso. Questi omarelli, perlopiù pensionati erranti alla ricerca di modi per riempire l’ex tempo lavorativo, si autoeleggono organismo di controllo di metodi e…

La morte come problema informatico

Non so se avete presente Matrix, quel film con Keanu Reeves in cui gli umani sono tutti collegati a delle macchine, dei computer, e in pratica la vita si svolge all’interno di una gigantesca simulazione. Ecco. Mettiamo che le cose stiano davvero così, cosa che poi non possiamo nemmeno escludere al 100%. Immagino che anche…

Un piccolo dubbio sulla raccolta differenziata

L’altro giorno, mentre buttavo delle bucce di patate nell’umido, sono stato colto da un terribile dubbio. Ho pensato che la carta che gettiamo negli appositi contenitori, poi loro la prendono, la lavorano, e ci fanno altra carta. Ci fanno libri, giornali, manifesti e via dicendo. Poi ho pensato che anche con la plastica succede lo…

Vite infinite

Anche fosse vero, quello che ti promettono le religioni, e cioè che o dopo morti c’è un’altra vita, infinita ma ultraterrena, o che dopo morti c’è un’infinità di vite terrene ma tutte nuove, be’, anche fosse vero, mi pare un’idiozia. Cosa vivo a fare se poi tutta l’esperienza di una vita va buttata, o perché…