Un occhio della testa

I grafici, si sa, attirano le persone con la stessa efficacia con cui le calamite attirano i collezionisti di calamite. È proprio dell’animo umano trovare repellenti delle tabelle piene di numeri e adorare i disegnini che le rappresentano, e il motivo è molto semplice: con le prime non ci capiamo un cazzo, con i secondi ci convinciamo immediatamente di aver capito tutto.

E infatti in questi ultimi due mesi è circolata un’enorme quantità di grafici relativi all’evoluzione della pandemia in corso. E infatti adesso ci sono in giro più esperti di virologia che esperti di calcio, anche perché il calcio è fermo e da qualche parte le energie intellettuali bisogna pur sfogarle.

In questa massa incommensurabile di linee, colonne e fette di torta però, è mancato un grafico che ritengo essenziale all’interpretazione della realtà attuale, ovvero quello che mostra, accanto all’andamento dei contagiati, l’andamento dei prezzi delle webcam. Lungi da me dedurre che la diffusione del virus è causata dall’aumento dei prezzi delle webcam (correlation is not causation, direbbe un inglese esperto di calcio), sarebbe interessante capire quanto la curva del costo delle webcam sia simile a quella dei contagiati da Covid19, ma soprattutto, sarebbe interessante capire perché il picco dei contagi è passato mentre il picco dei prezzi delle webcam ancora non è stato raggiunto, e cercare inoltre di prevedere quando questo succederà. Così, almeno, potrò capire quand’è il caso di acquistare una webcam senza dover ricorrere all’accensione di un mutuo.

Per fortuna che intanto il petrolio costa -37 dollari al barile, e sto diventando ricco comprandone spropositate quantità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Informativa sulla privacy.

*

Accetto