Ultrà

Un’altra cosa che mi è capitata, di recente, è questa. Ero in treno, uno di quelli con pochi fronzoli e ogni tanto mancanti anche proprio dell’essenziale, ma che hanno questa impressionante capacità di fare quasi mai ritardo, e se ne fanno ne fanno pochissimo (certo, ci mettono di più ad arrivare, ma io di solito non ho fretta), e insomma a un certo punto si sente l’altoparlante che dice “Avvertiamo eccetera eccetera che nella stazione di eccetera eccetera saliranno dei tifosi, e quindi i gentili signori presenti nelle ultime tre carrozze sono pregati di spostarsi altrove”, e lo dice con un tono che il cervello capisce “Hanno trovato degli Unni che vagavano disorientati dai tempi delle invasioni barbariche, li riportiamo a casa nelle ultime tre carrozze, stanno per salire, fuggite sciocchi!”. Così prendo armi e bagagli (che è un modo di dire che col clima che c’è è meglio lasciar stare), e insieme a tre vagoni non pienissimi di gente mi dirigo verso la testa del treno, e alla fine trovo un posto. L’altoparlante dopo un po’ ripete l’avviso, e l’immagine di uomini barbuti e vestiti di pellicce che scendono forsennati dalle colline roteando asce e spade attraversa la mente di ognuno. Stiamo tutti lì in tensione per una buona mezz’ora. Poi arriviamo alla stazione degli Unni, appiccichiamo gli occhi ai finestrini, e non sale nessuno. Aspettiamo la mandria, controlliamo, ascoltiamo, e la mandria non arriva. Non si vede un tifoso nemmeno a offrirgli un biglietto in tribuna imperiale. Poco dopo ripartiamo. La delusione è palpabile. E le facce hanno tutte quell’espressione che vuol dire “Vuoi vedere che la storia, sui barbari, ci ha ricamato sopra?”.

condividi

Di Mix

Grouchomarxista praticante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Informativa sulla privacy.

*

Accetto