La famiglia tradizionale

È scoppiato un gran casino, col signor Barilla. Ha detto delle cose e le ha dette in un modo che se prendeva un B52 e bombardava un centro d’accoglienza sovraffollato usando dei gattini ripieni di esplosivo ad alto potenziale forse si metteva contro meno categorie. In giro si parla di boicottaggio, addirittura, il che non mi stupisce: là fuori è pieno di gente che cerca da una vita di dare un bel taglio ai carboidrati senza riuscirci.

Poi, ecco che riesce fuori questa famosa famiglia tradizionale. Non è questione di essere d’accordo o meno, è questione di capire di che diavolo stiamo parlando. C’era una volta la famiglia tradizionale. Ora però, dopo i Soprano, i Pritchett, i Jefferson, i Robinson, gli Addams, i Keaton, le Gilmore, i Flintstones, i Jetsons, gli Osbourne, i Simpson, i Cunningham, i Forrester, i Tanner, i Morgan, gli Stark (e i Lannister e i Targaryen e i Greyjoy… ), i Cesaroni, i Fisher, i Bluth e chissà quante altre, davvero qualcuno ha ancora il coraggio di chiamarla tradizionale?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+

2 thoughts on “La famiglia tradizionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *