Una volta qui era tutta campagna di crowdfunding

Vado dritto al punto: sto per chiedervi dei soldi. Non voglio fare come quegli ambulanti che prima ti mettono il braccialetto brutto al polso dicendo che è un regalo e poi ti chiedono i soldi, che però, attenzione, non rappresentano il costo del braccialetto brutto, che resta un regalo, perché quei soldi che date all’ambulante esulano dallo scambio commerciale, che anzi non è neanche avvenuto, trattandosi, il braccialetto brutto, di un dono, e chiedere soldi per un dono è sacrilegio in tutte le culture a parte il turbocapitalismo, ma al tempo stesso il dono ha creato fratellanza, e quando c’è la fratellanza i soldi ti tocca sborsarli.

E non voglio fare nemmeno come quelli che ti fermano in strada ma non hanno alcuna intenzione di chiederti dei soldi per la loro associazione o organizzazione, associazione o organizzazione che ovviamente fa del bene (il mio sogno è d’incrociare il banchetto della Spectre), vogliono solo fare due chiacchiere, due chiacchiere piuttosto fuori dall’ordinario perché a un certo punto comprendono la richiesta dei propri dati anagrafici, una firma e l’esborso della quota d’iscrizione. Poi per la donazione fissa annuale si può decidere con calma.

Io invece parlo chiaro. Questo post è per chiedervi dei soldi. E più precisamente per chiedervi di partecipare alla campagna di crowdfunding (una colletta, praticamente, ma detto più fico) di Radio Sverso, la webradio con cui ho il piacere di collaborare fin dalla nascita (della radio, non mia) e che ospita quella strana creatura audio che è Scusa se ti mando un vocale (e ha ospitato anche L’analfabeta funzionante). Oltre a dare una casa ai miei strani oggetti radiofonici, Radio Sverso trasmette quotidianamente programmi in cui si parla di musica, sport, viaggi, videogiochi, film e serie, politica, cultura, società e stambecchi (ok, gli stambecchi me li sono inventati, il resto è tutto vero). E quando in onda non ci sono programmi, c’è una rotazione musicale che non trovate da nessun’altra parte, piena di musica indie e roghenroa.

Taglio corto e vado al sodo. La campagna di crowdfunding è sul sito di Produzioni dal basso -> CLICCA QUI (era da una vita che volevo scriverlo). Andate, leggete e donate. Se sarete generosi, otterrete anche un bel dono. Se non lo sarete, lo spirito del braccialetto brutto vi perseguiterà ogni notte nei vostri più lussuosi sogni turbocapitalistici.