5 brevi curiosità attorno al Concordato

(in basso e molto a destra nella foto, Mussolini che compila la lista delle cose buone che ha fatto)
  1. Si definisce concordato un trattato bilaterale che regola i rapporti tra Dio e un qualsiasi stato terrestre. Non essendo Dio persona giuridica, la firma del documento lato Dio è opera di un prestanome di fiducia della proprietà, detto il Papa. La dicitura attuale nella firma del trattato è “in rappresentanza di Dio, Papa …”. La precedente dicitura, modificata nel 1979 dopo grandi pressioni della Santa Sede, era “per Dio, Papa…”.
  2. Il primo concordato tra la Santa Sede e l’Italia era contenuto nei Patti lateranensi del 1929, ma nel 1984, anno della firma del nuovo concordato, si preferì un più funzionale cassetto.
  3. “Libera Chiesa in libero Stato” è la frase utilizzata dai cittadini della Città del Vaticano per chiamare la tana libera tutti a nascondino.
  4. Nonostante la credenza popolare, il nome “concordato” non deriva dal fatto che il documento è stato firmato su un Concorde Roma-Città del Vaticano. Anche perché a causa della grande velocità del velivolo non ci sarebbe stato il tempo materiale per farlo.
  5. La Santa Sede ha insistito per inserire nel concordato una clausola secondo cui tra Vaticano e Italia tutti i rapporti devono essere senza alcuna protezione.