Senza farne un’attenta analisi

Poi, il bello dei libri, secondo me, è che anche “un classico della letteratura europea del dopoguerra” nonché “una delle principali opere mai scritte in lingua catalana”, ti possa fare due coglioni così. C’è mica niente di male.