Cosa possiamo fare con quelli che non si vogliono vaccinare

Al di là di convincerli a farlo, ecco una breve, non esaustiva e variamente estendibile lista delle cose che possiamo fare con quelli, circa sei milioni solo in Italia, che non si vogliono vaccinare:

  • se si ha anche il resto del necessario, delle polpette
  • una piramide umana visibile dalla Luna (tanto poi sulla Luna non c’è nessuno, anche se non è visibile fa lo stesso)
  • una forza militare specializzata nell’attaccare malattie
  • la popolazione di un nuovo stato creato appositamente, meglio se situato in Medio Oriente, dove tale pratica è abituale (nomi papabili: Novaxonia, Scemenzia, Sierofreelandia)
  • frugargli nelle tasche per vedere se hanno della Tachipirina, e nel caso chiedere spiegazioni
  • fargli rifare elementari e medie (in DAD)
  • chiedergli di stare distanziati, molto distanziati, meglio ancora se in Francia
  • obbligarli a girare con indosso mascherine che coprano naso, bocca, occhi, orecchie, fronte, collo, braccia, gambe, piedi, tutto
  • farglielo pesare, ma non subito. Fra qualche anno, tutti contemporaneamente
  • agitarli anche se non se ne prevede l’uso
  • spedirli a raffreddare il pianeta
  • collegarli a Matrix per godersi il conseguente crash del sistema
  • sanificarli
  • fare a tutti il test di Rorschach per capire se in quelle macchie ci vedono tutti un foulard di Missoni
  • interrogarli in educazione civica
  • i fermacarte
  • i ct della nazionale
  • esportarli in Bolivia come materie prime
  • assumerli tutti come comparse per la nuova stagione di Siamo fatti così
  • sostituirli alla segnaletica verticale
  • defenestrarli
  • fargli calcolare continuamente delle ipotenuse
  • indicarli sconcertati
condividi

Di Mix

Grouchomarxista praticante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Informativa sulla privacy.

*

Accetto