Esco più tardi

Lunedì non sono uscito.

Lo so, si poteva, non più solo per le urgenze. Si poteva uscire a fare una passeggiata, una corsa (ma io non corro, io cammino. A me correre, se non c’è qualcuno o qualcosa che m’insegue, mi sembra di essere scemo). Però non sono uscito. È che uscire davvero, uscire nel senso di non andare dritto a fare la spesa e poi tornare dritto a casa, uscire così, subito, il primo giorno che si può uscire, boh.  È come quelli che vanno al cinema a vedere un film appena esce, il primo giorno che è nelle sale. È come quelli che partono per le vacanze il primo giorno di ferie. Si danno fastidio l’uno con l’altro, non si godono il piacere.

Non sono uscito nemmeno martedì, cioè ieri. C’era un gran bel sole, ma avevo delle cose da sbrigare, in casa, e mi sono detto Ma sì, uscirò domani, sono stato cinquanta e passa giorni in casa senza andare a fare passeggiate di piacere, posso anche starci un giorno di più, non succede niente. Esco domani.

Oggi c’è un tempo di merda. Ci sono dei nuvoloni scuri, ed è anche freschino. Uscire per poi prendere la pioggia, uscire per poi dover stare in felpa invece che a riscaldarsi al sole, chi me lo fa fare? Esco domani e via.

Domani, ho pensato, ho delle cose da fare. Non posso rimandarle. Non è detto che mi occupino tutta la giornata, però buona parte sì. E uscire prima di cominciarle, per poi stare fuori con l’ansia di dover tornare in fretta, non vale mica la pena. Uscire dopo, a cose finite, secondo me si fa tardi, e uscire che già il sole va giù non vale mica la pena. Esco venerdì, non muore nessuno.

Venerdì mi sa che però è meglio se vado a fare la spesa. E uscire per fare la spesa e riuscire pure per fare una passeggiata non so, mi pare troppo. Che poi fare la spesa mi sfianca, fra code, mascherine, guanti, stai attento a questo stai attento a quello cosa tocchi cosa non tocchi non grattarti l’occhio che prude che chissà perché prude solo quando sono tra le corsie del supermercato a casa mai una volta. No, venerdì esco solo per la spesa, che già di suo è un’impresa. Esco sabato.

Di sabato, si sa, escono tutti. Uscirà chi durante la settimana ha lavorato, chi non ha lavorato. Usciranno pure quelli che hanno aspettato qualche giorno prima di uscire. Sabato ci sarà gente ovunque, nei prati, nei vicoli, nelle piazza, al sole, all’ombra. Non va mica bene. Bisogna evitarle, queste situazioni. Forse è meglio se sabato me ne resto a casa. Anche per dovere civico, voglio dire. Per fare la mia parte nella soluzione di questo problema. Esco domenica e non se ne parla più.

La domenica però, quant’è bello starsene in casa? Ci si riposa, ci si rilassa, si sciolgono le tensioni della settimana, si sta senza pensieri sul divano, a far nulla, a oziare, a traccheggiare. Uscire è un atto contrario allo spirito della domenica. La domenica si sta in casa.

Uscirò lunedì.

O forse il giorno successivo, o quello dopo ancora. Adesso vediamo. Non facciamo programmi. Come si fa a fare programmi, di questi tempi? Vediamo come va. Esco più avanti. Che problema c’è? Che fretta c’è?

A proposito, quand’è che inizia la fase 3?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Informativa sulla privacy.

*

Accetto