Difetti di fabbrica

Il mio tallone d’Achille è il collo. Non solo nel senso che se qualcuno mi colpisce lì con una lancia allora addio. Ma anche e soprattutto nel senso che sono abbastanza un habitué dei dolori cervicali. Ne soffro, come si dice.

Ma al di là della predisposizione, ci sono poi i comportamenti. I fattori ambientali, credo si dica. Cioè l’esposizione alle correnti d’aria, girare coi capelli bagnati come il protagonista di un film degli anni ’70, la postura, il cuscino, il materasso, gli sforzi fatti male, i movimenti goffi. Tutte cose a cui bisogna stare attenti, e a cui viene data la colpa al risvegliarsi del fastidio o del dolore.

Poi un giorno ho letto ricordati chissà dove che il corpo umano è ben lungi dall’essere perfetto, e che quindi ha delle cose che, avendo i mezzi per farlo, andrebbero sistemate, aggiustate, modificate, per renderci creature più resistenti, più performanti anche. E una di queste cose non fatte benissimo era proprio la colonna vertebrale, che prima era fatta per scimmie più o meno quadrupedi, poi adesso, con pochi cambiamenti, ce la ritroviamo addosso noi, che però ci aggiriamo eretti, col peso che schiaccia le vertebre e questo collo reso rigido dal fatto di dover tenere su dritta la testa, sennò sembreremmo quelle bamboline hawaiane con la capoccetta che fa di qua e di là.

E appena ho letto questa cosa del collo fatto male, mal concepito, di molto migliorabile, mi sono detto “ah, ecco!”, e da quella volta invece di prendermela con me perché sto in mezzo alle correnti, sto tutto storto sulla sedia, faccio l’attore anni ’70 o il soggetto di un Picasso quando dormo, me la prendo con la natura che non ha saputo farmi a dovere, e mi fa soffrire, come poi diceva anche Leopardi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *