Prime volte

L’altra sera mi è successo che stavo per iniziare a leggere un nuovo libro, però, a differenza di tante altre volte, invece di prendere e iniziare, buttando via in fretta quella sensazione un po’ di eccitazione un po’ di pericolo – perché un libro può anche essere brutto, e la cosa ci preoccupa – che si prova quando si passa per la prima volta dalla copertina alla seconda di copertina e poi alle pagine vere e proprie, ho avuto la presenza di spirito di fermarmi un attimo, col libro in mano, senza aprirlo, e prolungare quella sensazione per alcuni istanti, godermela, con chiarezza, tenerla presente in mente assaporandola, che pare una roba un po’ buddista, e magari lo è. Poi l’ho aperto e ho iniziato a leggere.

La stessa cosa ho fatto poco fa, prima di firmare, per la prima volta, un contratto di edizione.

condividi

Di Mix

Grouchomarxista praticante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Informativa sulla privacy.

*

Accetto