Alcune ipotesi poco probabili sull’assenza (terminata) di Putin

Putin è tornato.

Ora dovete decidere se sentirvi più tranquilli o meno, per questo ritorno.

Fregarvene completamente potreste, se i fornelli di casa non emettessero quello strano suono – VLAD! – ogni volta che li accendete.

In questi dieci giorni di assenza le ipotesi su che fine avesse fatto lo Zar di tutte le Russie sono state tante, più o meno realistiche. Ci sono però alcune congetture che, con mia grande sorpresa, non sono state prese in considerazione.

Da un grosso potere eccetera eccetera
Putin, nel corso degli anni, ha accentrato nelle sue mani talmente tanti poteri che ormai gli si cominciano a rivelare persino a livello fisiologico, quindi poteri nel senso di superpoteri. Detta in breve, ha acquisito il dono dell’invisibilità. Solo che gli ci è voluto un po’ per imparare a gestirlo. Non come con lo sguardo disintegratore.

Pensiero profondo
L’ultimo impegno ufficiale prima di scomparire è stato l’incontro con Matteo Renzi. Noi ai discorsi di Renzi, con tutti quei non sequitur e nonsense e battute e hashtag e cazzabubboli, siamo ormai abituati. Putin probabilmente si è trovato spiazzato. Deve aver preso la cosa sul serio, e con spirito sovietico è rimasto lì, fermo sulla poltrona, a pensarci fisso. Dopo dieci giorni si è alzato con un vaffanculo in bocca ed è tornato a fare l’imperatore.

Guerre stellari
Mentre fumava una barretta d’uranio nei giardini del Cremlino, come fa ogni sera prima di andare a dormire, Putin è stato sovrastato da un disco volante e rapito dagli alieni. L’hanno portato sul loro pianeta per fargli tutte quelle cose che fanno ai potenti dei vari pianeti per soggiogarli e spianare la strada all’invasione. Solo che questa volta hanno preso l’uomo sbagliato. Dopo 9 giorni Vlad il distruttore – così è già ricordato nelle Cronache galattiche – ha lasciato i pochi sopravvissuti a sistemare i resti fumanti del pianeta Ucragna ed è tornato a casa guidando senza equipaggio la loro astronave ammiraglia.

Oscure trame
Per dieci giorni Putin ha visto e rivisto tutta la terza stagione di House of cards, perché gli pareva che a un certo punto lo portassero per il culo; ma voleva esserne proprio sicuro, prima di far alzare in volo i bombardieri.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+

2 thoughts on “Alcune ipotesi poco probabili sull’assenza (terminata) di Putin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *