Wolfgang bucato

Era da un po’ che non leggevo un libro tutto d’un fiato. Adesso mi è successo con questo romanzo di Paolo Nori che s’intitola Grandi ustionati.

Ora non c’entra niente, però poi, non dovevo nemmeno leggerlo questi giorni, questo libro, perché due settimane fa ero passato nella libreria di un’amica, le avevo chiesto Ce l’hai Grandi ustionati di Nori, le avevo chiesto, che è da un po’ che voglio leggerlo?, No, mi avevo risposto, poi però mi aveva detto Anzi aspetta, e aveva tirato fuori tipo un audiolibro dove c’era Nori che leggeva Grandi usionati, No, le avevo detto, voglio leggermelo proprio io di mio, Ah, aveva detto lei, e avevo preso un’altra roba. Poi la settimana scorsa sono passato sempre nella libreria di questa mia amica per prendere qualcosa da leggere e lei mi fa Ho Grandi ustionati di Nori, se t’interessa, Eh, le ho detto io, m’interessa sì, e mi è venuto in mente Pensa te che strategia, ho pensato, uno dice che vuole leggere un libro che in libreria non ce l’hanno e quando ripassa poi gli dicono Sai quel libro che volevi leggere? Ecco, ce l’abbiamo. Che se uno ci pensa, non ci vuole mica un ufficio marketing, per vendere.
Comunque, a parte questo, che non c’entrava, c’è un pezzo di Grandi ustionati che dice:

Che Miasma, la prima sera, si è seduto al piano circondato dagli sciatori pronti per il karaoke, si è sbottonato i polsini della camicia, ha inspirato profondamente, si è messo a suonare ha eseguito il concerto per pianoforte kappa quattrocentosessantasette di Wolfgang Amadeus Mozart ventotto minuti.

E nel mio, di Grandi ustionati, a pagina centotrentacinque, dove c’è questo pezzo, quando si arriva a leggere Wolfgang c’è un buco nella carta, nemmeno troppo grande, che si mangia tutta la o e tutta la l di Wolfgang, e la f quasi tutta, e se uno ci guarda dentro si vede che dall’altra parte c’è scritto men, che però non è men, è meno, ma la o di meno non si vede, nel buco.

Non che mi dia fastidio, il buco. Anzi, a dirla tutta, in un certo senso, ci sta a pennello, in Grandi ustionati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *