Si accomodi, ministro

Quando un Presidente del Consiglio nomina i suoi ministri, lo fa sulla base di un calcolo particolarmente complesso, che coinvolge la fiducia nei confronti di quelle persone, la loro preparazione, la loro esperienza, il peso che hanno avuto nella sua scalata politica fino alla vetta più alta, la necessità di mantenere certi alleati e via così, fino alla loro capacità nel classico gioco in cui c’è da prendere al volo le monete appoggiate sul gomito.

La nomina di Alessandra Madia a Ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione dev’essere frutto di un calcolo del genere. Oppure Renzi era lì, ha visto una donna col pancione, e per dare il buon esempio le ha offerto un posto a sedere.

Magari Renzi non si era accorto che era una poltrona da ministro. Ma a quel punto, cosa fai?, le chiedi di alzarsi?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *