Scusate il disturbo

Poi magari non se ne fa niente, di questa staffetta tra Letta e Renzi. Però si vede proprio.

È come quando ti s’infila una piccola scheggia nel polpastrello. O ti ferisci con un foglio di carta affilato e ti resta quel taglietto. Non ci fai quasi caso, te li dimentichi anche. Solo che quando pieghi il dito in un certo modo, o lo appoggi, c’è quella fitta di dolore. E subito lo tiri indietro, cambi posizione di scatto.

È questo, per i politici, il voto popolare. Un fastidio. Un disturbo che li coglie all’improvviso quando, maneggiando la democrazia, fanno un movimento sbagliato.

Si vede proprio, sì, che potrebbero farne a meno. Si muovono in quasi completa libertà: che sollievo sarebbe poterlo fare senza temere anche quella leggera irritante scossa?

Viene da pensare che togliergli quella scheggia sia persino una buona azione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *