Lo sfasamento temporale del politico

timeloop

A voi magari sembra facile, la vita del politico.

Del politico eletto, nel senso; di quello che ha una qualche carica: una poltrona, un divanetto, fosse anche uno spigolo di sedia, se c’è ressa.

Di quello non eletto non si sa molto; anzi non si capisce proprio cosa faccia, un politico, quando non è eletto. Capace che fa politica.

Il politico eletto, invece, ha un ruolo di governo, di amministrazione. Ha il potere.

E in questo ruolo di potere il politico eletto dev’essere una delle figure più depresse della storia umana, perché costantemente afflitto dallo Sfasamento Temporale dei Risultati di Governo (STRG, da cui la famosa Teoria dello STRG).

Immaginate cosa sarebbe la vostra vita se passaste la giornata a elaborare progetti che rispecchiano i vostri ideali, la vostra visione del mondo, e che se tutto va liscio vedrete attuati quando probabilmente non sarete più in carica, e nel frattempo entrassero in vigore altre leggi e riforme, elaborate da altri, il governo o i governi precedenti, che chissà che idee avevano, ma con le quali quasi certamente non siete d’accordo.

Lavorate e vedete i risultati altrui. Che nemmeno vi piacciono.

Come anche andare all’inaugurazione di un monumento, una struttura, un centro d’eccellenza che magari per voi è uno spreco di soldi, o non sapete nemmeno di che si tratta e di chi l’ha voluto, ma dovete sorridere, farvi le foto con le personalità, tagliare il nastro, fare un discorso di elogio.

Il politico, il politico eletto, vittima dello STRG, è un’anima in pena che oscilla fra un passato che gli si materializza dinnanzi e che non gli interessa, e un futuro che gli interessa e non vedrà mai realizzato da quella posizione privilegiata che ha, quella del potere. A meno di non rimanerci a lungo.

E forse è per questo che i politici, per schiodarli dalla poltrona, non bastano le cannonate.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *