L’inutilità delle primarie

Io, questa mania che ultimamente ha la politica di consultare i cittadini quando c’è da fare delle scelte che potrebbe benissimo fare da sé, salvo poi far finta che non esistiamo quando c’è davvero da prendere decisioni importanti, mi pare una mezza presa in giro.

Prendiamo le primarie. Prendiamole del Partito Democratico, per comodità, già che ci siamo. Tu, PD, mi fai scegliere quale sarà il candidato alle prossime elezioni. Ok.

Facciamo pure finta che tutti quei gran discorsi Basta alla personalizzazione della politica! Bisogna ritornare ai programmi! Alle idee!, non siano mai esistiti, sennò diventa tutto più complicato.

Ci sono tre tipi di persone che possono recarsi a votare alle primarie: l’elettore più o meno fisso del PD, l’elettore più o meno fisso del centrodestra, l’indeciso.

L’elettore più o meno fisso del PD voterà il suo candidato preferito. Se quello vince, bene. Se quello non vince, peccato. Alle elezioni voterà comunque PD, con buona certezza.

L’elettore più o meno fisso del centrodestra scriverà sulla scheda cose tipo Comunisti!, Evviva Berlusconi! Andate a lavorare! o disegnerà delle oscenità. Poi voterà centrodestra, con altrettanta buona certezza.

Il vero gioco, quindi, lo fanno gli indecisi. Le primarie sono per loro.

L’indeciso voterà il suo candidato preferito. Se quello vince, voterà PD. Se quello perde, no. Solo che qui non c’è alcuna buona certezza. L’indeciso, infatti, resta tale indipendentemente dal risultato, sennò che indeciso è? L’indeciso è uno che anche se gli piace il candidato del PD, e l’ha pure votato, magari all’ultimo momento ci ripensa, e alle elezioni non lo vota. Oppure non l’ha votato alle primarie, ha votato un altro, e alle elezioni gli dà il voto, così, perché è indeciso, e se lo può permettere.

Quindi, visto che le primarie sono fatte per convincere gli indecisi, tanto vale non farle, perché sono uno sforzo inutile.

Vi ho convinto?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrShare on Google+

3 thoughts on “L’inutilità delle primarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *